Olivia e Gianni Cucovaz 2020-10-12T17:14:21+02:00
19 ottobre 2020 – 5 novembre 2020
ailovolivia
di Olivia e Gianni Cucovaz
 
Casa Capra è lieta di riprendere le attività dopo lo stop di marzo e inaugurare la nuova stagione.
Iniziamo con la prima personale di Olivia e Gianni Cucovaz con “Ailovolivia”, una mostra ciclica che verrà realizzata ogni anno a fine ottobre e sarà un reportage dei lavori artistici nati dal rapporto tra la sensibilità e la pratica artistica del nonno Gianni (1950) con la nipotina Olivia (2018) agli inizi delle sue sperimentazioni gestuali, la scoperta degli strumenti e la produzione di segni.
Eccoci quindi alla prima documentazione, da gennaio ad agosto 2020, dal 441° al 661° giorno di Olivia. Saranno esposti in questa occasione 19 lavori multipli, una raccolta di segni realizzati da Olivia su tavolette cartonate successivamente elaborate da Gianni utilizzando pigmenti dei pastelli, grafite, chine e pennarelli.

 
“ Desidero rendere omaggio a una mente nuova, appena arrivata da chissà dove, che ci chiede asilo: lei come simbolo di tutte le nuove menti, di tutti i nuovi arrivi. La sua creatività primordiale, mai vista prima, unica, stimola la mia osservazione e il mio modo di vedere il mondo giocato nella fantasia.
Appena ha cominciato a tracciare i primi segni, la mia appassionata esperienza di irriducibile grafico amanuense, ha orientato lo stupore sul loro significato.
Per concentrarmi in questa ricerca mi è venuto spontaneo separare il segno dallo sfondo.
È lì che sono intervenuto, agendo sui “vuoti”, fra le sue tracce grafiche, imponendomi un grado di separazione a lasciar loro respiro e potenza espressiva.
Questa operazione, ripetuta su ogni suo elaborato ed esposta in questa occasione, cerca di stimolare quell’attenzione dell’adulto troppo abituato a catalogare come “scarabocchio ciò che è invece assolutamente originale e distintivo.
L’esperienza unisce me e noi al desiderio di Olivia di relazionarsi con l’ambiente scegliendosi i materiali utili ai suoi primi gesti, incidere, tagliare, grattuggiare, pestellare, spostare, raccogliere, gettare, manipolare, …
In questa progressione dal sé al mondo si riconosce senza pretendere riconoscenza, comprendendo autonomamente l’errore e perfezionando a comunicazione per ovvia conseguenza di fatti oggettivi.
Ci siamo noi, attenti osservatori, c’è l’ospitale spazio di Casa Capra e c’è lei, Olivia, che più ci conosce e meno ci teme. Ingredienti essenziali per quell’alchimia reciproca che si chiama accoglienza, integrazione sociale in senso ampio: futuro. “
Gianni Cucovaz

GIANNI CUCOVAZ (1950) originario di Pùlfero, in provincia di Udine, si trasferisce a Schio dal 1980 dove lavora come grafico, illustratore editoriale, insegnante ed educatore con progetti di inserimento lavorativo. Artista eremita miniatore, questa è la sua prima mostra dal 1976.

CASA CAPRA
Via Giambellino, 16 36015, Magrè – Schio (VI)
 
INGRESSO LIBERO
Visita in settimana su appuntamento, chiamare:
345 6311858 – Saverio Bonato
334 3223354 – Gianni Cucovaz
 
Orari:
Sabato dalle 10.30 – 12.30 / dalle 15 alle 18
Domenica dalle 10.30 – 12.30 / dalle 15 alle 18
 
Aperture svolte nel rispetto della normativa vigente per la sicurezza da Covid-19, entrata individuale con obbligo di mascherina.
 
Per ulteriori informazioni: info@casa-capra.it 
 
Grafica di Supernulla e Gianni Cucovaz
www.supernulla.com
 
Evento che rientra nella rete degli Spazi socio-culturali dell’Alto Vicentino
www.spazisocioculturali-av.it