Andrea Grotto 2018-05-26T10:17:17+00:00

24 marzo – 1 aprile 2018

Un punto da ballerina

di Andrea Grotto

Come il culmine di un’onda si riabbassa e si rimescola al mare, così nella costituzione di ogni cosa reale esiste una parte che non è visibile.

Questo impeto coraggioso diviene elemento costituivo della realtà che talvolta ci concede di rivelarsi e lo stupore si accende in una sequela di domande, nel tentativo di carpire le ragioni e i processi.

Come il vento non si vede, ma possiamo solo sperimentarne la presenza fisicamente, così non ci è dato di entrare nel merito della lenta ed immemore costituzione di un minerale o nello stupefacente cambiamento di stato di un elemento. 

Un punto da ballerina è un racconto, una storia di semplici dettagli in cui i soggetti delle immagini divengono oggetti ritratti alla luce di una scoperta.


Andrea Grotto, Schio 1989

ha frequentato l’Accademia di Belle Arti di Venezia dove nel 2014 ha conseguito il Diploma specialistico di II livello in Pittura.

Nel 2013 è tra i vincitori del programma di Atelier della Fondazione Bevilacqua La Masa di Venezia con il collettivo How we Dwell (make your own residence). Successivamente ha esposto il suo lavoro in diverse città italiane e all’estero. Nel 2014 durante la 98 ma Collettiva Giovani Artisti della Fondazione Bevilacqua ha vinto il premio Regione Veneto e sempre nello stesso anno è tra i finalisti del Combat Prize, vincendo il Premio Under 35 e partecipando ad una residenza GlogauAir di Berlino. Tra le principali mostre si ricordano: Project Show case, GlogauAir,  (Berlino 2014). Leda / Grecale, Galleria Caterina Tognon, Venezia. Vento non si vede, presso Galleria Moitre, Torino (2017) . Nel 2016 partecipa alla mostra Versus presso la Galleria Civica di Modena ed entra a far parte della collezione permanente della Galleria. Nel 2017 è tra gli artisti selezionati per il progetto Punctum – Invisibili Connessioni entrando a far parte della collezione del Museo storico ITALGAS di Torino. Nello stesso anno prende parte ad alcuni progetti tra cui si ricordano: Collezione Malutta + Black Market Galleria Monitor, Roma, La creazione di un errore presso il Teatrino di Palazzo Grassi di Venezia e Parallel, Vienna.

OPENING: 

sabato 24 marzo, ore 19

Ingresso libero